Prendere in gestione un locale: grande occasione o ricetta per il fallimento?

C’è da sempre un dubbio che attanaglia i ristoratori italiani o aspiranti tali, soprattutto nelle zone con un forte impatto turistico e stagionale: prendere in gestione quel locale è un’occasione o una fregatura?

Voglio chiarire i tuoi dubbi e aiutarti nella scelta, perché prendere in gestione un bar, ristorante o un food truck può rappresentare una grande occasione o essere la ricetta perfetta per il fallimento.

 

DISTINGUERE TRA AFFITTO D’AZIENDA E ACQUISTO DI GESTIONE

Prima di tutto voglio fare una distinzione, quella tra affitto d’azienda e acquisto di gestione.

L’acquisto di gestione significa acquistare l’avviamento commerciale di quel tipo di attività. In questo caso acquisti tutto quello che c’è all’interno del locale, come attrezzature, cespiti e l’avviamento commerciale.

Tutto questo ha un valore che di solito è difficile da valutare per via della brutta abitudine italica al nero.

Quello da tenere sempre in considerazione è che, 9 su 10, chi si avventura nell’acquisto di gestione paga l’affitto delle mura, come faceva il precedente proprietario.

L’affitto d’azienda invece significa pagare l’affitto di un’azienda che comunque rimane di proprietà di qualcun altro.

 

AFFITTO D’AZIENDA: QUELLO CHE DEVI TENERE IN CONSIDERAZIONE PER GESTIRE UN LOCALE

Prima di avventurarsi nell’affitto di un’attività ristorativa devi assolutamente capire se quell’affitto sta in piedi.

Per capirlo devi valutare attentamente questi 8 punti.

  • Nell’affitto d’azienda è compreso l’affitto delle mura?

Questo è la base per gestire al meglio i tuoi numeri e i tuoi eventuali utili. Continua a leggere per scoprire quali sono i parametri che devi usare come bussola

  • Perché il proprietario vuole dare in gestione e non vuole vendere?

Può capitare che il locale non stia andando bene, quindi pensaci attentamente: tu dovresti farti il culo per rilanciarlo e poi ridarlo in mano al proprietario?

  • Il proprietario non vuole vendere per motivi legali?

Questo spesso capita quando ci sono successioni, debiti, parenti che chiedono la loro fetta della torta ecc (tutte problematiche poi ti ritroverai addosso tu…)

  • Hai già dei parametri per un eventuale rinnovo?

Questo è importante che tu lo stabilisca prima di prendere in gestione il locale. Ad esempio la durata dell’affitto d’azienda (il meglio sarebbe partire da almeno 12 anni).

  • Quanto è legato il locale al suo proprietario?

Se i clienti lo popolano perché il titolare è amico di tutti, devi tener presente che nel cambio di gestione del locale perderai gran parte degli introiti fissi.

  • Che tipo di fideiussioni il proprietario mi chiede a garanzia?

Le migliori dal tuo punto di vista sono le fideiussioni assicurative e non bancarie. Perché? Perché con le fideiussioni bancarie esaurirai in fretta il plafond finanziario che la banca può offrirti. Di solito i proprietari storcono il naso quando gli proponi le fideiussioni assicurative, ma per l’imprenditore è la soluzione migliore.

  • Qual è il valore effettivo dell’affitto d’azienda che ti viene chiesto?

Il valore effettivo dell’affitto d’azienda non si calcola solo con il fatturato o con la presenza in loco per un paio di settimane, ma anche con il livello dei cespiti. Devi valutare le attrezzature con attenzione e capire quanti anni hanno e il loro livello di manutenzione attraverso un tuo tecnico di fiducia.

Per esperienza ti posso dire che non è raro ritrovarsi con una centralina del forno bruciata dopo un mese da riparare a tue spese…

PUNTO BONUS: Assicurati che sia tutto a posto anche a livello legislativo e di sicurezza!

 

I GIUSTI PARAMETRI NUMERICI NELLA GESTIONE DEL LOCALE

Per quanto riguarda i numeri: l’impatto dell’affitto d’azienda, se comprende anche l’affitto delle mura, non dovrebbe mai superare il 15% di quello che fatturi. Se non lo comprende, non superare il 7/8%.

 

PRENDERE IN GESTIONE IL LOCALE: QUANDO CONVIENE E L’ERRORE DA EVITARE A TUTTI I COSTI

In conclusione, l’affitto d’azienda ti può convenire quando non hai liquidità e le garanzie per comprare l’attività e riesci a ottenere una prelazione sull’acquisto tra 6 anni.

Oppure ti può convenire se hai altre attività e vuoi entrare nel mercato stagionale senza appesantirti finanziariamente con l’acquisto, mantenendo la liquidità in azienda.

Un’ultima cosa: non commettere mai l’errore madornale di prendere in affitto senza considerare quanto fattura quel locale e il suo livello di manutenzione.

 

L’inizio di un percorso?

Se sei incuriosito dal Metodo RistoBusiness (un brevetto Emiliano Citi), qui ti elenco gli step da compiere per iniziare il tuo Training da RistoImprenditore:

  1. Iscriviti al Gruppo Facebook e al Canale YouTube. Lascia i tuoi dati nel modulo qui sotto per accedere a consigli e offerte esclusive.
  2. Il secondo step, se sai che il tuo ristorante ha bisogno di essere rivoluzionato da capo a piedi, è il mio libro Il Tuo Ristorante è Morto.
  3. Se invece hai già compiuto tutti questi step, ti consiglio caldamente di iscriverti al Clan dei Ristoratori, la prima e unica membership di formazione dedicata agli imprenditori in ristorazione.

Facciamo i numeri

Te la senti di entrare nel Metodo RistoBusiness?

Accesso a Offerte Esclusive, Nuovi Articoli, Video, Eventi… Usa la tua mail migliore o rischi di rimanere fuori!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su twitter

Ricevi gratis i primi due capitoli
del libro di Emiliano Citi

"Il Tuo Ristorante È Morto"