Come Aprire un Ristorante | Parte 3 di 4

Come aprire un ristorante? Se hai deciso di aprire un nuovo ristorante, rilevare un ristorante già avviato o rinnovare la tua attività, ci sono sempre 4 PASSI fondamentali per farlo. Oggi affrontiamo il terzo.

 

Continua il nostro viaggio mensile diviso in 4 parti per rispondere alla grande questione irrisolta “Come aprire un nuovo ristorante?”, farlo bene ed evitare di chiudere dopo 3 anni perdendo una barca di soldi.

Nel tempo ho notato che sul web girano troppe guide piene di fuffa, scritte da persone che non hanno mai lavorato un minuto in ristorazione in vita loro.

Proprio per questo ho deciso di scrivere questo speciale che spero possa essere d’aiuto in una fase decisiva per la creazione del tuo business.

 

Mi voglio rivolgere a quelli che vogliono gettarsi in ristorazione per la prima volta, a quelli che ci lavorano già da tanti anni ma vuole cambiare le cose, a quelli che hanno rilevato un ristorante già ben avviato o chi ne ha ricevuto uno in eredita ma che non vuole vivere murato vivo dentro la sua azienda e vuole fare dei soldi, non la fame.

 

Dopo aver affrontato l’idea, e il piano di fattibilità, oggi ti voglio parlare del terzo step, uno che ha a che fare sia con la creatività che con la tecnica: IL NOME

 

 

SCEGLIERE IL NOME DEL TUO RISTORANTE È CREATIVITÀ MA NON SOLO

 

Voglio andare ad analizzare i vari nomi e format di ristoranti di successo.

Sia che siano stati creati da me, sia che siano esempi virtuosi all’interno del settore Food & Beverage italiano.

L’importante è ricordare che non si tratta solo di creatività, non è che basta guardare il soffitto per un’ora e magicamente il nome giusto ti viene in mente.

Ci sono alcune tecniche da utilizzare, ma ci sono sempre 2 fattori che devi ricordarti:

 

  • ESSERE BREVE
  • ESSERE CHIARO

 

Il nome che scegli per il tuo ristorante deve essere facilmente memorizzabile e non lasciare dubbi su quello che il cliente troverà all’interno del tuo locale.

O almeno, questo è quello che accade nei format di successo.

Questi elencati di seguito sono solo alcuni dei format che ho creato.

 

Nu Ovo

Ci troviamo a Firenze, Toscana.

Cosa ti suggerisce questo nome?

Esatto, l’uovo, il nuovo uovo o ovo, come chiamiamo l’uovo qui in Toscana.

Semplice e diretto: un nome che racchiude il format, essendo Nu Ovo un ristorante con piatti a base di uovo.

Il payoff che avevo scelto per nuovo è “lovely experience”.

Un inglese italianizzato che ho scelto proprio perché il ristorante si trova in una zona turistica, con un alta concentrazione di stranieri.

Un format già prima dell’apertura aveva attirato un’attenzione incredibile da parte dei media specializzati e a cui vari finanziatori privati stranieri si sono interessati.

 

Fuoco e Vino

Anche questo è un format creato da me, che ha avuto la fortuna e il merito di ottenere un grande successo.

Tanto da meritarsi un mio articolo del blog tutto per sé.

Il payoff qui è “Brasa con cucina”: si torna al dialetto (brasa significa brace) e con cucina perché il ristorante ha anche una piccola cucina che prepara gli unici 2 primi piatti a menu.

Perché per il resto, “Fuoco e Vino” propone proprio quello che il suo nome promette:

 

  • Fuoco – carne alla brace
  • Vino – un’ottima selezione di vino

 

Semplice, diretto, legato al suo format differenziante e, per fortuna, a distanza di anni, rimane un successo.

 

 

Scarlett – Pizza e Tiramisù

In questo caso il nome era esistente, infatti Scarlett era il nome della pizzeria che già esisteva a Empoli, ma quando si è deciso di aprire a Pontedera un’altra sede, insieme a Luca Guiducci, il titolare, abbiamo deciso di aprire un nuovo format, Pizza e Tiramisù appunto.

Cosa si mangia secondo te da Scarlett Pizza e Tiramisù?

Hai indovinato: solo 13 Pizze gourmet e 6 tipi diversi di Tiramisù.

Un successo travolgente fin dai primi mesi di attività e con già dei finanziatori privati interessati al format.

Per chi volesse approfondire, Luca Guiducci e io abbiamo parlato in profondità di questo caso studio in una recente puntata di RistoBusiness Cafe

 

Ammodo

il payoff in questo caso è stato “Mettiamo il cuore nel gelato”.

Ammodo è una gelateria che abbiamo aperto a Pisa, una gelateria focalizzata sul gelato artigianale, fatto con materie prime naturali e di grande qualità.

E ammodo in Toscana significa un qualcosa di fatto bene.

Da questo poi è nato il sottoprodotto chiamato “Mi Fido”, che ha reso Ammodo la prima gelateria di Pisa specializzata nel gelato per cani.

E ti posso assicurare che, con la scusa del gelato per cani, i padroni prendono il gelato per loro. Un gelato quindi per tutti, ma che non fa male ai cani.

Anche in questo caso, se vuoi approfondire questo caso, puoi guardare questa puntata di RistoBusiness Cafe.

 

Picò – Pizza, Cocktail e Piccornie

Un altro nuovo format con uno slogan che ha avuto subito un grande effetto:

Da noi si mangia la pizza perché non si beve la birra

Una pizza lievitata in una certa maniera, ideale per facilitare la digeribilità e una pizzeria dove NON si serve birra.

Anche qui una scelta di format chiara, sottolineata da un nome e da uno slogan chiaro e d’effetto.

 

Ci sono altri esempi e altre ne nasceranno a breve, ma per un elenco completo ti invito ad arrivare in fondo all’articolo dove troverai un link diretto a tutte le mie referenze.

 

 

Esempi virtuosi al di fuori di RistoBusiness

Il primo che mi viene in mente è sicuramente That’s Vapore, un locale di successo a Milano.

anche qui, già dal nome, è subito chiarissimo cosa devi aspettarti: cottura al vapore.

Qui il modello differenziante, l’idea di business, è semplice, chiara e racchiusa del tutto in questo concetto: la cottura al vapore

 

Poi mi viene in mente Il Gesto – fai il tuo, con già 5 punti vendita aperti.

Il significato del nome è “Fai il tuo gesto”: un format ecosostenibile che ha eliminato il più possibile tutte le possibili fonti di inquinamento.

Il nome anche in questo caso identifica perfettamente il modello di business.

 

E se stai pensando “ma non sono ristoranti con poca offerta?”

Ecco, allora ancora non ci siamo capiti. Questi sono modelli di business differenzianti, modelli che funzionano e producono utili a fine anno.

Non puoi permetterti oggi di aprire il ristorante che i tuoi genitori avrebbero aperto da giovani.

Quelli oggi si chiamano ALL YOU CAN CLOSE.

 

IN CONCLUSIONE

 

Come avrai capito leggendo questo articolo, il nome non è per niente una faccenda secondaria, di fantasia o che puoi permetterti di scegliere per sfizio.

È proprio vero il contrario.

Il nome è parte integrante del “come aprire un nuovo ristorante”, del modello di business, è il suo cardine. In sostanza il nome può anche non piacerti, ma se funziona con l’idea differenziante che hai adottato, allora quello è il nome giusto per la tua azienda.

 

La settimana prossima concluderemo i nostri 4 step essenziali per l’apertura di un ristorante, ma nell’attesa puoi esplorare gli articoli passati del blog e il mio canale Youtube per conoscere altri aspetti del Metodo RistoBusiness, e se hai davvero intenzione di guadagnare in ristorazione, ti consiglio di iscriverti al mio prossimo corso di marzo, RISTOBUSINESS, che si terra il 24, 25 e 26 marzo a Lido di Camaiore presso l’Una Hotel.

 

Ma ti avverto di nuovo, in tanti oggi hanno fame di business e i posti ancora disponibili scarseggiano.

E se continui a non fidarti di me, ti lascio qualche referenza.

 

Facciamo i numeri.

Emiliano

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su twitter
Lascia il tuo commento con Facebook